Cura dei capelli,  Hair Care Routine

5 + 4 trucchetti per prendersi cura dei capelli sottili

Caro Lettore,

Benvenuto nel mio blog! Io sono Veronica Dambr e uso le erbe ayurvediche per curare i capelli.

Oggi cercheremo di capire insieme quali sono le cause e i rimedi per trattare al meglio i capelli sottili.

Quali sono le caratteristiche dei capelli sottili?

La sottigliezza dipende molto spesso da cause genetiche, ormonali, generazionali, da terapie e medicinali oppure da problematiche di tipo meccanico dovute ai una scorretta routine quotidiana. Questo genere di capelli lo conosco bene perché mi appartiene, solitamente è accompagnato dalla cute grassa, spesso mi hanno portata a odiarli perché la sensazione è quella di averne pochi o di sembrare dei pulcini spennacchiati.

Poi, sperimentando e informandomi attraverso splendide chiacchierate con parrucchieri e tricologi esperti ho capito dove sbagliavo e come sarebbe stato giusto curare la mia chioma (non sono un medico, condivido con te la mia passione per i capelli, imparando sempre cose nuove attraverso l’informazione). Anni fa li maltrattavo tantissimo: facevo spesso delle decolorazioni che me li hanno distrutti, usavo temperature altissime senza impiegare un termo-protettore efficace, li strofinavo con l’asciugamano, usavo elastici in plastica e li spazzolavo con pettini inadatti. Tutta una serie di cose che mi ha portata a sfibrarli tantissimo.

Ad oggi, avendo instaurato la mia corretta hair care routine, vorrei condividere con te alcuni trucchetti.

Quali sono gli impacchi da fare per trattare i capelli sottili?

Seguendo una sorta di calendario mensile dettato dalle esigenze dei miei capelli, sono solita fare degli impacchi. Alcuni vanno applicati prima dello shampoo, altri dopo e mai nello stesso giorno. Bisogna variare!

Inoltre, mi preme dirti, che queste sono solo delle linee guida, poi sta a te, attraverso la tua esperienza, trovare i giusti prodotti. Perché? Per il semplice motivo che ogni chioma ha le sue caratteristiche e ciò che va bene per me potrebbe non essere efficace per te. Infatti, un modo ideale per “parlare” con i nostri capelli sarebbe una consulenza personalizzata.

Ma passiamo oltre:

  • Gli impacchi stimolanti sono costituiti da sostanze grasse, soprattutto oleose che riescano a penetrare nei follicoli attraverso un breve massaggio sulla cute che può essere fatto con i polpastrelli oppure con un massaggia-scalpo in silicone che puoi trovare qui.
  • Questi impacchi vanno fatti prima dello shampoo una-due volte al mese. Gli oli che ti consiglio devono essere follicolo-stimolanti, come l’olio di babassu, in grado di attivare il micro-circolo sanguigno, il quale riesce a favorire una crescita dei capelli sana e forte. Se la tua cute presenta diradamento ti consiglio di effettuare una visita medica tricologica. Io ho risvegliato i follicoli atrofizzati da trattamenti chimici mediante le fialette crescina. Costano un botto ma mi hanno salvato la vita. Una – due volte al mese, inoltre, fai uno scrub al cuoio capelluto per rimuovere tutto ciò che occlude i follicoli: prodotti di styling, smog, cellule morte. Usa prodotti formulati appositamente, evita rimedi casalinghi che possono lesionare e peggiorare la situazione.
  • Lo shampoo e il balsamo devono essere privi di tensioattivi e sostanze grasse perché esse vanno ad appesantire il fusto dando quel fastidioso effetto “unto” da evitare assolutamente in caso di cute grassa e capelli sottili, preferisci formulazioni leggere a base di erbe lavanti, le puoi trovare nelle bio-boutique online.
  • Fai impacchi con erbe ayurvediche in grado di rafforzare e ispessire il fusto: henné ed erbe tintorie, Cassia, Kapoor Kachli, Spirulina, fieno greco, Sidr, ecc. Meglio se dopo lo shampoo, in questo modo i tuoi capelli acquisiranno tutte le proprietà delle erbe per giorni. Ricorda che, alla fine, come ultimo risciacquo una passata di acqua e aceto o limone, non fa mai male! Aiuta ad avere una chioma lucidissima e morbida. Il risciacquo acido può essere fatto anche con acqua + rosmarino (e/o Salvia e/o Alloro) oppure acqua + riso.
  • Prima di asciugare i capelli, applica degli spray leggeri come quello alla birra di Anarkiabio oppure puoi applicare gel naturali come l’aloe vera, i semi di lino. Io preferisco l’acido ialuronico per il suo effetto rimpolpante in grado di rendere i capelli morbidi e lucidi. A mio avviso, nessun altro prodotto dona lo stesso effetto.
  • Post-styling applica oli leggeri dal tocco asciutto come gli esteri vegetali oppure oli sigillanti come quello di Jojoba, Canapa, olio del dattero del deserto.

A cosa stare attento nella cura meccanica dei capelli sottili?

  • Da bagnati è meglio non pettinarli, ma se proprio non resisti usa la spazzola per capelli ricci che districa delicatamete senza spezzarli: la tangle teezer che trovi qui.
  • Scegli spazzole che abbiano le setole fatte con i peli di cinghiale questa è una cosa che mi ha suggerito la mia mamma tanti anni fa perché lucidano la chioma e non spezzano i capelli. Evita come la peste quelle in plastica o in metallo perché strappano i capelli e irritano la cute. La trovi qui.
  • Quando avvolgi i capelli nell’asciugamano (non in cotone! Microfibra o bambù) non strofinarli per asciugarli! Ma tamponali delicatamente.
  • Stai attento al calore! Usa un buon termo-protettore e asciuga i capelli a temperatura media o all’aria aperta quando possibile.
  • Usa elastici morbidi come gli scrunchies in raso.
elastici per capelli in un piatto
  • Proteggi i capelli di notte preferendo federe in seta o indossando una cuffia dello stesso materiale.

Spero che l’articolo ti sia stato utile,

Per qualsiasi dubbio scrivimi in chat su instagram, rispondo sempre.

Un abbraccio,

Veronica D’Ambrogio

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Questo contenuto è protetto da copyright