immagine di copertina
Cura dei capelli

Come utilizzare l'acqua di riso sui capelli?

Caro Lettore,

Benvenuto nel blog di Veronica Dambr, la tiktoker che usa le erbe Ayurvediche per curare i capelli.

Oggi parleremo di uno dei metodi naturali più usati da millenni per rafforzare i capelli e asciugare il sebo della cute particolarmente grassa.

Come utilizzare l’acqua di riso sui capelli? Veronica Dambr blog

Per chi è adatta l’acqua di riso?

L’acqua di riso è adatta alle persone che hanno allergie, un cuoio capelluto sensibile, eczemi e psoriasi, ma anche per chi ha semplicemente i capelli, sottili, sfibrati, opachi e una cute grassa.

Spesso siamo portati a credere che l’acqua di riso sia adatta alla crescita veloce ed istantanea dei capelli, ma non è proprio così. Essa può contribuire a mantenere sano il cuoio capelluto, ma non intacca in alcun modo i processi responsabili della crescita della chioma che avvengono internamente e che non sono influenzati da prodotti cosmetici esterni.

Io la uso spesso con un obiettivo differente da quello che viene propinato attraverso i social network del momento come instagram e tik tok: asciugare il sebo in eccesso.

Ma dobbiamo essere sinceri: le ghiandole sebacee se ne fregano di ciò che applichiamo sulla testa. Esse continueranno a produrre questo grasso naturale indipendentemente da ciò che utilizziamo nella nostra hair care routine, ma l’acqua di riso, le erbe ayurvediche e l’henné possono dare una gran mano nel tenere a bada questo tipo di problematica, ma per risolverla del tutto dovremmo controllare la salute generale del nostro corpo, scegliere prodotti per capelli adatti alla cute grassa e fare attenzione a ciò che mangiamo.

Quali sono le proprietà dell’acqua di riso?

L’acqua di riso è un potente antiossidante e contiene molte vitamine e sali minerali, risulta essere idratante e lenitiva.

  • ispessisce il capello sottile
  • asciuga il sebo
  • è letiniva, adatta a chi ha una cute sensibile

Come si prepara l’acqua di riso?

Ci sono vari metodi, c’è chi mette il riso in una coppetta con l’acqua dopo averlo lavato e lo lascia a riposo per una notte fino a separare il riso dall’acqua, per poi utilizzarla dopo lo shampoo.

Io, invece, mi trovo molto meglio a cuocere il riso (per poi mangiarlo! non si butta mai il cibo) e scolare l’acqua in un contenitore di vetro. La lascio raffreddare e poi la uso il giorno stesso come risciacquo dopo lo shampoo.

Lasciare fermentare l’acqua aumenta il rischio di proliferazione batterica e muffe! Fai molta attenzione a chi dice di lasciarla in posa per molte ore o (addirittura) giorni! è un rischio per la propria salute.

Come si applica l’acqua di riso?

Dopo aver lavato i capelli con lo shampoo, la verso su tutta la chioma e massaggio il cuoio capelluto per 5 minuti.

Essa ha un Ph acido, facendo l’ultimo risciacquo con l’acqua di riso avremo dei capelli voluminosi, spessi e lucenti.

Spero che l’articolo ti sia stato utile,

per qualsiasi informazione scrivimi in DM su instagram, rispondo sempre

Un abbraccio,

Veronica

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Questo contenuto è protetto da copyright